I proverbi - Pescara del Tronto

Vai ai contenuti

Menu principale:

I proverbi

Le tradizioni

I proverbi

La parola proverbio, deriva dal latino Proverbium.
Un proverbio non è altro che una massima contenente dettami, norme o consigli in forma sintetica.
La saggezza popolare è la fonte dei proverbi.
Mediamente un proverbio riporta quello che si ritiene vero.
Possono contenere similitudini o metafore e possiamo trovarli in più lingue diverse.
Lo studio dei proverbi si chiama: Paremiologia

Citazioni sul proverbio.

I proverbi sono selle buone per tutti i cavalli, non ce n'è uno che non abbia il suo contrario, e qualunque condotta si tenga se ne trova uno per appoggiarvisi.
(Alfred de Musset)
Il proverbio è l'ingegno di un uomo e la saggezza di tutti.
(Bertrand Russell)
Il proverbio è un avanzo dell'antica filosofia, conservatosi fra molte rovine per la sua brevità ed opportunità.
(Aristotele)
Un proverbio per te non sarà mai tale finché la vita non te lo avrà illustrato.
(John Keats)
Un proverbio saggio non prova niente.
(Voltaire)    

Se conosci
"Proverbi e Detti" in dialetto Pescarese, mandali con un messaggio sul nostro sito, o sul facebook. Grazie
Manfredo e Luciana

PS: se trovi degli errori, segnalaceli.


Proverbi e detti popolari

 

Daggliè e daggliè, la cpolla dventa aggliè

Dai e dai, la cipolla diventa aglio

L'ucchie d' lu patrò ngrassa lu cavall

L'occhio del padrone ingrassa l'asino

Chi lava la testa a lu sumar, spreca lu sapò

Chi lava la testa all'asino, spreca il sapone

Chi m'abatezza m'è cumpare

Chi mi battezza mi è compare

Titt culiglie quanne  st suliglie, che quanne st accumpagnet aremin svergugnete

Trattieniti culetto quando stai soletto, perchè quando stai accompagnato rimani svergognato

Lascia fà, lascia fà, se artruvt la mogglie prena

Lascia stare, lascia stare, si ritrovò la moglie incinta

Lu can mocca sempr lu straccio'

Il cane morde sempre il poveraccio

Li figl su cumma li dint, cumma su ti gli ti da tne

I figli sono come i denti, come li hai te li tieni

L femmne su cumma lu foche vun ess stuzzcate npu

Le donne e il fuoco vogliono essere stuzzicati un pò

La processiò ndo esce arrentra

La processione dove esce rientra

Quann nengua a carricigl, puvera mamma che te l'figl

Quando nevica molto, povera mamma che ha i figli

Quann Vetore s metta lu cappigl, vennete le crape e comprete lu mantigl. Quann Vetore s cala le brache, vennete lu mantigl e comprete le crape

Quando il Vettore si copre di neve, venditi le capre e comprati il mantello. Quando il Vettore si scopre, venditi il mantello e comprati le capre

Pasquetta e bufanì, tutte le feste s porta via, arespunnette S. Antò: "ferma mpu, ci stà la mia"

Pasquetta e l'Epifania tutte le feste si portan via, rispose S. Antonio: " fermi un po', c'è la festa mia"

Se Gennare ne gennariea, marze e aprile rappareia

Se a gennaio non fà fraddo, marzo e aprile rimetteranno a pari

Pozza fa tanta neva che tra ciele e terra nge pozza capà mang nu pedocchie e s ce capa, se pozza schiattà

Possa fare tanta neve che tra cielo e terra non c'entra neanche un pidocchio e se c'entra possa schiattare

Appolla quann appolla la callina e quann canta lu chell tu cammina

Addormentati quando si addormenta la gallina e quando il gallo canta, tu cammina

La neva marzarola dura quante la pacia tra la socera e la nora

La neve di marzo dura quanto la pace tra la suocera e la nuora

Quann glienn sbsesta, mal pe li cristiani e pegg pe le bestia

Quando l'anno è bisestile, male per gli uomini e peggio per gli animali

Se piova li quattr aprilante quaranta di durante

Se piove il quattro di aprile, dura quaranta giorni

Quann piova e tira vent, nte move e statte dentre

Quando piove e tira vento, non ti muovere e stai dentro


Piuvarrà:

Pioverà sicuramente:

 

Quanne la vacca lecca lu mure de la stalla

Quando la mucca lecca il muro della stalla

Quanne le crape fanne a ciucca

Quando le capre fanno a testate

Quanne lu meneche de l'accetta sciufela be su le mè

Quando il manico dell'accetta scivola bene sulle mani

Quanne lu picciò arrentra prima su la picciunara e i vola atturna

Quando il piccione rientra prima nella piccionaia e gli vola intorno

Quanne li passaritti s'aremettene tutte assieme

Quando i passeri si stringono tutti insieme

Quanne le papere s'abbagnene spsse e fanne remore

Quando le papere si bagnano spesso e starnazzano molto

Quanne le rundenelle volene basse

Quando le rondinelle volano basso

Quanne le ciangaranocchie gridene forte

Quando le rane gridano forte

Quanne le mosche pizzichene cumme e li cane arrebbiete

Quando le mosche pizzicano come cani arrabbiati


Terarrà vente:

Tirerà sicuramente vento:

 

Quando i passeri al mattino cantano moltoQuanne lu ragne reccorta li fili de la tela

Quando il ragno accorcia i fili della tela

Quanne lu fuche spara e le legna sfriggene

Quando il fuoco scoppietta a le legna soffia

Faciarrà tembe bbune:

Farà sicuramente bel tempo:

 

Quanne li picciò arrentrene tarde a la sera su la picciunara

Quando i piccioni rientrano tardi la sera in piccionaia

Quanne a la matina li passaritti canten tante

Quando i passeri al mattino cantano molto

Quanne a la notta cantane l'usignole

Quando di notte cantano gli usignoli


Benvenuto, oggi è e sono le
Torna ai contenuti | Torna al menu